Dintorni - Hotel Liliana
+39 0183 494743
[email protected]

Nei dintorni

Da vedere

Cervo e i borghi più belli d’Italia
Imperia, i suoi porti, il promontorio del Parasio
Gli uliveti e il Museo dell’Olio
Valloria, il paese delle porte dipinte
Bussana Vecchia, il paese degli artisti
Le Ville e i Giardini:
Villa Grock ad Imperia, Villa Nobel e Villa Ormond a Sanremo e Villa Hambury a Ventimiglia
Genova: “Strade Nuove”, “Palazzi dei Rolli” (Patrimonio UNESCO), l’Acquario

Da vivere

Festival Jazz

M&T Jazz Festival

San Bartolomeo (IM)

3-8 Luglio
festival di cultura popolare

Folk in Diano

Diano Marina (IM)

5 Luglio 2018
rievocazione storica

Rievocazione Storica

Laigueglia (SV)

27 Luglio 2018

Da fare

ACQUA

Le spiagge

Il whalewatching

Le escursioni in barca

Il parco acquatico “le Caravelle”

Lo snorkeling

Il rafting

La vela

Il surf

Il windsurf

TERRA

La pista ciclopedonale da San Lorenzo a Ospedaletti, 24 km in riva al mare

I circuiti di mountain bike

Il trekking

Il nordic walking

Parco avventura “Il Solleone”

SHOPPING

L’isola pedonale di Diano Marina

I mercati di Diano Marina, Imperia, Ventimiglia

Il caratteristico “Budello di Alassio”

Le eleganti boutique di Sanremo

Da assaggiare

Numerosi i prodotti tipici, con tradizioni millenarie.

Eccovi un piccolo assaggio di ciò che potrete trovare nella nostra zona ed in provincia di Imperia!
Cucina “povera”, originale, che bada al gusto e meno alla forma, reduce della dura vita tra terra riarsa dal sole e le onde del mare.
Biodiversità e gusto!
Le produzioni più importanti
  • null

    Olio di Oliva

    Produzione che caratterizza quasi per intero l’entroterra del ponente ligure. Gli uliveti, necessariamente di qualità taggiasca, vengono coltivati da secoli nei terrazzamenti, le “fasce”, che ricoprono le colline affacciate sul mare.

    Potrete assaggiare nel nostro ristorante la produzione del piccolo frantoio “Ardissone” di Diano Serreta, visitare il frantoio, acquistare l’olio extravergine e altri prodotti della nostra terra.

  • null

    Pescato di Mare

    Se gli innumerevoli borghi presenti nell’entroterra nascono dall’agricoltura e dall’allevamento, con importanti produzioni casearie, i paesi sulla costa sono da sempre vivi porti di pescatori.

    Dai favolosi gamberoni onegliesi alle fritture di pesce, la tradizione culinaria attinge tanto dalla campagna quanto dal mare.

  • null

    Vino

    Vermentino, Pigato, Ormeasco, Rossese di Dolceacqua… tra un uliveto e l’altro, nel verde o sulla terra riarsa dal sole, la produzione vinicola ligure ha le sue origini in epoca romana e fiorisce nel medioevo, caratterizzando l’entroterra del ponente.

    Una delle migliori cantine della regione “Il Poggio dei Gorleri” si trova di fronte al nostro albergo e il suo famoso Pigato “Cycnus” accompagna alla perfezione le nostre troffie al pesto.

  • null

    Basilico

    La sua coltivazione, ormai secolare, sta godendo negli ultimi anni di una popolarità senza precedenti, sia perché il consumatore, italiano e non solo, apprezza sempre più gli aromi che arricchiscono di sapori la cucina, sia perché rappresenta la qualità, la semplicità e la tipicità di una terra e della propria cultura.

    Prepariamo il nostro pesto con il miglior basilico di Diano Marina, olio di oliva extra vergine, pinoli, aglio per condire le trenette, le trofie, oppure una lasagna molto sottile.

Le verdure
quattro-di-albenga
  • null

    Asparago violetto

    Esclusivo della Piana di Albenga e presidio Slow Food: unico per il colore e per il sapore delicato. È caratterizzato dai turioni grandi, carnosi e non fibrosi.

  • null

    Carciofo spinoso

    Gusto corposo ma poco acido, ricco di vitamine e sali minerali, è ottimo da gustare crudo per la sua delicatezza e scarsa fibrosità.

  • null

    Pomodoro ``Cuore di Bue``

    L’equilibrio perfetto tra dolcezza e acidità. Costoluto e irregolare, disvela una polpa compatta e saporita, quasi priva di succo e semi.

  • null

    Zucca trombetta

    Dolce e delicata si gusta sia cruda che cotta. Ricca di vitamine, calcio, fosforo e ferro è altamente digeribile. Ottimi anche i fiori.

Altre produzioni
  • null

    Fagioli di Conio, Pigna e Badalucco

    Importati nel diciassettesimo secolo, i fagioli hanno trovato un habitat ideale nelle tre località, generando un frutto originale quanto pregiato: protetti da un presidio Slow Food, vengono prodotti in quantità limitate. Delicato, morbido, cremoso, immediatamente riconoscibile. Uno dei prodotti “cult” della provincia

  • null

    Aglio di Vessalico

    Similmente ai fagioli, l’aglio di tipo bianco di Vessalico è protetto dal presidio Slow Food. La ristretta produzione viene quasi per intero commercializzata nella fiera annuale in luglio e nei ristoranti locali.

  • null

    Tome di pecora brigasca

    La Brigue, paese della Val Roya, un tempo il più importante centro di pastorizia dell’area tra Liguria, Piemonte e Provenza. La pecora autoctona, simile alla frabosana, è forte ed adatta alle zone impervie in cui pascola. Con il suo latte si producono la toma e il brus (brusso). Dei 60 mila capi allevati all’inizio de XX secolo resta ben poco: 1.800 pecore in Liguria. Per preservare la specie, valorizzare la toma a latte crudo e sostenere i pastori, Slow Food in collaborazione con la Regione Liguria ha scelto di tutelare la produzione della splendida Toma di pecora brigasca.